📁
.net CMS
Da dove incominciare

Configurazione applicativo

Configurazione applicazione web

Come di consuetudine per tutte le applicazioni web in .NET, la configurazione avviene per mezzo del file web.config, tuttavia per quanto riguarda questo applicativo vi è un altro file di configurazione dal nome config.xml e contenuto nella directory app_data. Il file config.xml contiene i medesimi parametri di configurazione contenuti nel file web.config ed è prioritario, nel senso che le impostazioni contenute nel config.xml prevalgono rispetto a quelle del web.config. Qualora il file di configurazione config.xml venisse cancellato, verrà rigenerato automaticamente utilizzando come default, le configurazione definita con il file web.config.
Da tutto ciò ne deriva che: Il file web.config è preposto a mantenere dei valori di configurazione di default, qualora si modifichi questo file, l’applicazione web non ne trarrà alcun effetto in quanto continuerà ad utilizzare le impostazioni del file config.xml in quanto ritenute prioritarie.
Non è necessario intervenire manualmente sul file config.xml dato che l’applicativo permette di variare qualsiasi impostazione usando l’apposita interfaccia online denominata “Pannello webmaster” alla quale vi accedono gi utenti con il ruolo di webmaster o supervisore.

Ecco in sintesi come interpretare alcuni parametri formati da coppie chiave/valore:

Block IP Addresses

Valori possibili: "Disabled", "BlockIP", "BlockIPPort" (Fare attenzione alle maiuscole e minuscole perché questo valore é casesensitive)

Questo parametro permette di bloccare l’accesso al sito a determinati indirizzi IP, o a determinati indirizzi IP con determinate porte specificate, essenzialmente è una funzionalità pensata per bloccare l’accesso a chi naviga in forma anonima tramite l’uso di proxy (al fine di evitare atti di vandalismo).
La lista degli indirizzi IP che verranno bloccati è contenuta in un file di testo (BlockIPAddresses.txt), posto sotto la directory App_Data.

Disk Space Reserved Gb e Disk Space Preserved Gb

Valori possibili: Numero intero

Prevenzione conto la mancanza di disponibilità di spazio sul disco! Può capitare, che nonostante le condizioni del piano di hosting scelto, lo spazio disponibile su disco riservato, venga improvvisamente a mancare, creando tutta una serie di gravi errori all’applicazione web impossibilitata nel girare nella sua integrità.
La mancanza di spazio, in genere è da imputarsi alla noncuranza dei fornitori di servizio hosting o server, che fisicamente condividono le risorse disco con più utenti, senza monitorare l’effettiva disponibilità di spazio: Questa pratica è molto più diffusa di quanto si possa immaginare ed è causa di errori difficili da diagnosticare per chi si trova il sito in panne, dato che è prassi da parte del fornitore di servizio, disabilitare anche i metodi per verificare la reale disponibilità del disco che ospita l’applicazione.
Intervenendo su valori di configurazione delle chiavi DiskSpaceReservedGb e DiskSpacePreservedGb è possibile riservare una quota di spazio su disco dedicata alla nostra applicazione, riempiendola con dei “blocchi” da un gigabyte che verranno liberati non appena l’applicazione web rileva uno spazio su disco insufficiente.
La chiave DiskSpaceReservedGb, contiene un valore intero che indica quanti gigabyte l’applicazione web debba riservare su disco, mentre la chiave DiskSpacePreservedGb indica con un valore intero, lo spazio minimo che si vuole tenere effettivamente libero in gigabyte: In automatico, l’applicazione web, quando rileverà che lo spazio riservato è inferiore a quello che si vuole mantenere libero, verrà liberato nuovo spazio riducendo lo spazio impegnato su disco con il parametro DiskSpaceReservedGb.
Per esempio, se impostiamo DiskSpaceReservedGb = 20 e DiskSpacePreservedGb = 2: L’applicazione web impegnerà costantemente 20 GB su disco, che verranno eventualmente ridotti progressivamente, se l’applicazione rileva esserci uno spazio libero su disco inferiore a 2 GB.
Nel caso il sistema debba ricorrere nel liberare “spazio disco” diminuendo la quota riservata, nella pagina di diagnostica check.aspx, verrà evidenziato un avvertimento alla voce “Error Disk Space Preserved”, che ci indica la dimensione in GB dello spazio riservato (inferiore a quella impostata). Nel caso invece che in questo campo vi si trovi un avvertimento indicante “Sub dir "WebApplication" not writable!”, ciò sta a significare che nella root della nostra applicazione, non è presente la cartella "WebApplication" (l’appliazione ha tentato la sua creazione ma non è stata possibile in quanto non si hanno i “privilegi” per farlo), oppure questa non ha settata l’autorizzazione alla scrittura: L’applicazione web usa questa cartella per riservare lo spazio su disco, quindi per il corretto funzionamento di questa opzione, è opportuno verificare che questa esista e sia abilitata alla scrittura, in caso contrario sarà necessario crearla manualmente usando gli strumenti messi a disposizione dal fornitore di servizio di hosting o server, quali il “file manager”, e lo strumento di configurazione IIS per assegnare l’attributo di abilitazione alla scrittura per questa directory.

Note: Eventuali errori di scrittura, vengono registrati nel file “ErrorGeneric.txt”. Benché l’applicazione web adotti un sistema di file doppi (con copia di backup) che rende impossibile il rovinarsi “accidentalmente” dei file causato da eventuali errori con le operazioni di scrittura, la mancanza di spazio su disco, inevitabilmente implicherà l’impossibilità a salvare “informazioni” contenute nella memoria volatile (esempio: Foto, profili utente, dati statistici, messaggi nel forum, ecc.), si consiglia quindi vivamente di abilitare questa funzionalità nel caso si riscontrino problemi concernenti la mancanza di spazio su disco: La descrizione di questo tipo di errore che apparrà nel file di log o nel browser, è: “There is not enough space on the disk.”.

Inhibit Session For Crawlers

Valori consentiti: “True” o “False”

Impostando questo valore a False, ogni forma di pagamento online varrà inibita, viceversa il parametro “True” attiva le forme di pagamento online.

Impostando questo valore su True, non verrà creata la sessione di navigazione per gli spider, ciò farà risparmiare risorse e migliorerà le prestazioni per i siti che hanno un traffico elevato generato dagli spider (per traffico elevato si intendono siti che superano le 10000 sessioni di navigazione simultanee).
L’attivazione di questo parametro non permetterà di conoscere – tramite la pagina “utenti online” – quanti e quali spider sono connessi alla applicazione dato che viene inibito il tracciamento della sessione.
In aggiunta a questa funzione, in via opzionale è possibile nel web.config aggiungere la seguente regola:

<httpModules>
 <remove name="Session" />
 <add name="Session" type="WebApplication.AspNet.SessionState.CustomSessionStateModule" />
</httpModules>

In tal caso si avrà una migliore ottimizzazione per chi ha problemi con il traffico generato dagli spider, tuttavia in alcuni server questa implementazione potrebbe mettere fuori uso l’applicativo. Se così fosse apparirà nelle pagine un messaggio che indica che il server non è disponibile.

Pay Pal Account

Valore possibile: Account PayPal (indirizzo e-mail e codice personale univoco).
Questo valore viene impostato per le richieste di pagamento con PayPal

Pay Pal Account Micropayments

Valore possibile: Account PayPal (indirizzo e-mail e codice personale univoco).
Questo valore viene impostato per le richieste di micropagamenti con PayPal. Nel caso venga impostato questo parametro, l’applicativo web per le richieste di piccoli pagamenti indicherà l’account PayPal speciale dedicato ai micro pagamenti in modo da ottenere commissioni più basse da parte di PayPal e quindi maggiori profitti.

Moneybookers Account

Valore possibile: Account Moneybookers (indirizzo e-mail).

Questo valore viene impostato per le richieste di pagamento con Moneybookers

Pay Authentication New User

Valori consentiti: Importo + Sigla Valuta di 3 caratteri (esempio: “0.5EUR”, “1USD”) oppure campo vuoto “”

Impostando questa variabile, i nuovi utenti durante la loro iscrizione verranno autenticati mediante l’effettuazione di un micro pagamento. L’autenticazione può anche in un secondo tempo seguendo il link ricevuto via e-mail.
Gli utenti non autenticati saranno interdetti dall’utilizzo delle funzioni principali quali: Forum, caricamento foto e album, chat, commenti e messaggistica privata.
Un file di log (AuthenticationUser.txt) tiene traccia di ogni utente autenticato.

No Authentication Forum Id

Valori consentiti: Valori numerali interi separati dalla virgola (esempio: “1,6,10”) oppure campo vuoto “”

Ipostando questo valore, viene inibito l’obbligo di autenticazione (impostato con PayAuthenticationNewUser) per gli utenti che si iscrivono in un determinato sito web, avente almeno un forum con l’indirizzo ID specificato con questo valore.
Spiegazione: Dato che questo applicativo può gestire molteplici siti internet con forum differenti, non è detto che si desideri autenticare con il sistema del micro-pagamento gli utenti che si iscrivono in un sito con un determinato forum (per esempio per non provocare un calo nella attività forumistica degli utenti), a tal fine usando questo parametro è possibile inibire l’obbligo dell’autenticazione impostato con PayAuthenticationNewUser per chi si iscrive in un sito con un determinati forum.

Online Payment

Valori consentiti: “True” o “False”

Impostando questo valore a False, ogni forma di pagamento online varrà inibita, viceversa il parametro “True” attiva le forme di pagamento online.

Per attivare la notifica dei pagamenti IPN occorre impostare i seguenti parametri dal sito PayPal.com alla voce “Preferenze per Notifica immediata del pagamento” che si trova sotto “Profilo”
URL della notifica: http://nomesito.xx/pay.aspx (nomesito.xx corrisponde ad uno qualsiasi dei siti gestiti dall’applicativo)
Recapito messaggi: Abilitato

Sell Text Links

Valori consentiti: “True” o “False”

Impostando questo valore a True, verrà attivato un sistema automatizzato per la vendita di link testuali. Il visitatore potrà procedere all’acquisto tramite un collegamento che apparirà nella barra laterale destra.

Enable Proxy Users To Interact

Valori possibili: "True" o False"

Questo parametro se impostato su False (valore di default), impedisce che utenti che navigano in forma anonima tramite proxy possano interagire con il sito scrivendo messaggi nel forum, commentando agli articoli e le immagini, scrivendo messaggistica indirizzata ad altri utenti, ecc.

Email

E’ possibile configurare tre account per l’invio della posta elettronica. Le tre configurazioni di posta dai titoli Email, EmailSupervisor e EmailFaxService sono preposte per le rispettive funzioni:

Email è la configurazione di posta elettronica di default dell’amministratore del sito o sottosito. Qualora non fosse stata configurata l’email per un determinato sito (classe SubSite), verranno utilizzati i parametri impostati con questo parametro, che nel file web.config sono contraddistinti dalle seguenti chiavi: 

Email
Email.SmtpServer
Email.SmtpPort
Email.SmtpUserName
Email.SmtpPassword

EmailSupervisor è la configurazione di posta elettronica del supervisore del network, ovvero la figura con il ruolo più importante al disopra di tutti i siti. A costui vengono inviati – per esempio – le notifiche di errore da parte dell’applicativo, la messaggistica da parte dell’utenza diretta al supporto tecnico e qualsiasi cosa che non sia prettamente di interesse di uno specifico sito web. Le chiavi che permettono dal web.config di configurare questa email sono:

EmailSupervisor
EmailSupervisor.SmtpServer
EmailSupervisor.SmtpPort 
EmailSupervisor.SmtpUserName
EmailSupervisor.SmtpPassword

EmailSupervisor è la configurazione di posta elettronica che viene utilizzata dai plugin per un eventuale inoltro di fax usando un servizio di gateway del tipo email to fax come per esempio quello offerto da interfax.net. Le chiavi che permettono dal web.config di configurare questa email sono:

EmailFaxService.SmtpServer
EmailFaxService.SmtpPort
EmailFaxService.SmtpUserName
EmailFaxService.SmtpPassword
FaxPassword

Le chiavi di configurazione sopra elencati, possono anche venire omesse impostandole con dei campi vuoti, in tal caso i valori mancanti verranno automaticamente impostati con i corrispettivi valori contenuti nelle seguenti chiavi:

SmtpServer
SmtpPort
SmtpUserName
cSmtpPassword
ippopotamo

 

Argomenti nella stessa categoria